RISTORANTE ERASMO

dal 1760

di Marcucci M. Paola & C.

Via Nazionale n°1782

55100 Ponte a Moriano, Lucca

tel. 0583406362 chiama ora!

ristoranteerasmo@alice.it

Sulla strada che da Lucca porta all'Abetone, il Ristorante Erasmo rappresenta da più di 200 anni una tappa obbligata per gli amanti della buona tavola.

 

Il locale, gestito ininterrottamente dalla stessa famiglia Marcucci fin dal lontano 1760, è aperto tutti i giorni a pranzo e a cena (escluso Lunedì e la sera del Martedì).

 

Il ristorante propone una cucina toscana fatta di sapori semplici e genuini,che ha i propri punti di forza nei piatti tipici della tradizione lucchese,legati alla freschezza e alla stagionalità dei prodotti.

 

ARRIVANDO DA FIRENZE o DA VIAREGGIO

uscendo dalla A11 a Lucca e prendendo la via del Brennero direzione Bagni di Lucca/Castelnuovo Garfagnana/Abetone. Si percorrono 9Km da Lucca, si supera l'abitato di Ponte a Moriano tenendo il fiume Serchio alla propria sinistra, 500 metri dopo la piazza del paese, sulla destra, prima della centrale elettrica.

 

ARRIVANDO DALLA GARFAGNANA

andando in direzione Lucca dopo Borgo a Mozzano seguire le indicazioni per Ponte a Moriano fermandosi 500 metri prima di questo subito dopo la centrale elettrica.

 

attrazioni che si trovano nelle vicinanze del ristorante

 

Si hanno notizie del locale fin dal 1760, quando accoglieva i viandanti che si dirigevano verso Modena e i mercanti che scendevano a Lucca dalla Garfagnana. Allora Erasmo Marcucci serviva spuntini e pesce fritto appena pescato dal Serchio, ed offriva anche alloggio e cambio dei cavalli, come attesta il Registro degli albergatori del Ducato di Lucca che fa bella mostra nella bacheca della sala di ingresso insieme ad altri antichi documenti che testimoniano questa tradizione di famiglia.

 

Attraverso i secoli la famiglia Marcucci ha sempre mantenuto la gestione del ristorante tramandandola da padre a figlio fino ai giorni nostri, e oggi offre alla propria clientela le accoglienti salette con i caratteristici caminetti, un ampio salone per le cerimonie e, nella stagione estiva, il suo fresco giardino all'ombra di platani secolari, per assaporare i tipici piatti della cucina lucchese.

 

 

 

  • leggi altro sulla storia

    Si hanno notizie del locale fin dal 1760, quando accoglieva i viandanti che si dirigevano verso Modena e i mercanti che scendevano a Lucca dalla Garfagnana.

    Allora Erasmo Marcucci serviva spuntini e pesce fritto appena pescato dal Serchio, ed offriva anche alloggio e cambio dei cavalli, come attesta il Registro degli Albergatori del Ducato di Lucca, che insieme ad altri antichi documenti testimonia questa tradizione di famiglia, che da quasi 250 anni si tramanda nella gestione del ristorante, alternando nomi di Erasmo e di Lorenzo.

     

    Sono molti gli aneddoti che si potrebbero raccontare di un locale che per quasi due secoli e mezzo ha rappresentato una tappa obbligata per gli amanti della buona tavola e servirebbe troppo spazio, ma ci piace ricordare le memorie di Giorgio Casali, profondo conoscitore della storia e dei costumi lucchesi. Egli, seduto ad un tavolo insieme agli amici Augusto Mancini e Giuseppe Pera, raccontava che nel 1879 i suoi genitori si sposarono e vennero a Ponte a Moriano col tranvia a vapore per il pranzo di nozze e, dopo aver lautamente mangiato dal già famoso Erasmo per facilitare la digestione fecero ritorno a casa camminando a piedi lungo il poggio del fiume: luna di miele di altri tempi! Ma chi se lo poteva permettere arrivava da Erasmo col calesse, come Pascoli, che si dice si fermasse qui a mangiare sulla strada per Castelvecchio. Allora però non si chiamava ancora Erasmo, bensì Trattoria La presa dell'acqua, perché vicina alla presa del condotto pubblico, ed era frequentato da persone di ogni ceto sociale, oltre che da personaggi famosi.

     

    Scrive infatti il prof. Rovai nel suo libro sulla storia dell'Ist.Tecn. F.Carrara che nel 1898, nei primi anni di vita della scuola, il compenso agli insegnanti veniva distribuito annualmente dal cassiere durante un incontro conviviale al ristorante Erasmo. Così si retribuivano, con una cena e una busta contenente poche centinaia di lire, le fatiche di un'annata intera.

     

    Dopo la fine dell'ultima guerra il locale riapre con una novità: nel giardino di fronte un altro Erasmo, padre degli attuali gestori, ha allestito una pista da ballo che diventa un appuntamento fisso delle domeniche dei lucchesi, mentre il ristorante assume il nome attuale ed inizia ad essere conosciuto ed apprezzato anche al di fuori di Lucca, grazie alle ricette di nonna Argenta, fatte di sapori semplici e genuini, e che sua nuora Eria saprà riproporre e arricchire.

     

    In una saletta riservata Arrigo Benedetti raduna nomi illustri dell'arte, della cultura e del giornalismo come Pannunzio, Scalfari, Tobino e altri, ma nonna Argenta si lamenta perché un pittore allora poco conosciuto ai più, Lorenzo Viani, alla fine della cena esegue degli strani disegni sul retro dei piatti, e lei per toglierli è costretta a strusciare molto. Averli ora!!!

     

    Nella stessa saletta, grazie invece a Bruno Vangelisti,si ritrovano personaggi del cinema e dello spettacolo come Mario Soldati, che viene con De Sica e Gina Lollobrigida, Marcello Mastroianni, che porta gli amici Paolo Panelli e Bice Valori, Mario Monicelli e altre celebrità che lasciano le loro dediche sull'album o firmano le mattonelle rosse che rivestono le pareti

     

    Sfogliando l'album si notano anche tante firme di sportivi, in particolare di campioni del ciclismo come Moser, Bartoli, Cunego, Petacchi, Sorensen e altri, e di tante altre persone che hanno voluto lasciare un simpatico ricordo, come una lucida signora di quasi cento anni che nel 1989 si ricordava di aver mangiato da Erasmo nel secolo precedente, 90 anni prima!

     

    Attraverso i secoli la famiglia Marcucci ha sempre mantenuto la gestione del ristorante tramandandola di padre in figlio fino ai nostri giorni, e ancora oggi offre alla propria clientela le sue accoglienti salette, un salone per cerimonie e l'ampio giardino, per gustare i piatti tipici della cucina lucchese, in inverno davanti fuoco dei caminetti, in estate all'ombra di platani secolari che, lo avete capito, sono veramente secolari !!!

Il ristorante propone una cucina Toscana fatta di sapori semplici e genuini, con piatti tipici della tradizione lucchese legati alla freschezza e alla stagionalità dei prodotti. Vecchie ricette di nonna Argenta che sua nuora Eria ha saputo riproporre e arricchire e tramandare alla figlia Paola.

 

Da ricordare il farro e i salumi della Garfagnana, i tortelli e la pasta fatti a mano, la farinata di verdure, il pollo al mattone, le trote e le trotelle del Serchio, gli squisiti fritti di pollo, agnello e verdurine e ,quando sono di stagione, i funghi porcini, cucinati alla griglia, fritti, in casseruola o crudi in insalata.

 

I piatti vengono accompagnati da olio extravergine d'oliva delle nostre terre, unico per sapore ed aroma, e da vini tipici locali delle colline lucchesi e Montecarlo che hanno tradizioni che risalgono fin dal tempo degli Etruschi.

Dal 2009 il Ristorante fa parte dell´Associazione Locali Storici d´Italia tra i quali viene classificato tra i più "familiari" essendo gestito dalla stessa famiglia da ben sette generazioni.

L´8 Maggio 2011 ha ricevuto dalla Camera di Commercio di Lucca un premio speciale dedicato ai 150 anni dell´unità d´Italia.

L´8 Giugno 2011 il Ristorante è stato iscritto nel Registro delle Imprese storiche italiane di Unioncamere, presentato nel corso della 133a Assemblea degli Amministratori delle Camere di Commercio d´Italia dove, nell´ambito dei festeggiamenti per i 150 anni dell´Unità d´Italia, è stato premiato tra 150 imprese storiche d´Italia che con i loro meriti imprenditoriali hanno contribuito alla costruzione del sistema economico italiano. La cerimonia si è svolta l´8 giugno 2011 a Roma, nella splendida cornice di Palazzo Colonna, alla presenza del Ministro per lo Sviluppo Economico Paolo Romani, del Ministro per la Pubblica Amministrazione e l´innovazione Renato Brunetta e, con gli interventi, tra gli altri, dell´imprenditrice Giovanna Ferragamo, del giornalista Dario Di Vico, della giornalista di RAI2 Maria Concetta Mattei che ha presentato l´evento e di Maria Grazia Cucinotta, che ha premiato i titolari Lorenzo e Paola Marcucci.

di Marcucci M. Paola & C.

Via Nazionale n°1782

55100 Ponte a Moriano, Lucca

tel. 0583406362 chiama ora!

ristoranteerasmo@alice.it